domenica 23 giugno 2013

Gelato Festival 2013

In questo periodo caldo e sfiancante poche cose possono convincermi a spostarmi da casa.
Il Gelato Festival c'è riuscito!
All'ombra del Auditorium Parco della Musica, nell'ampio Viale de Coubertin, faceva tappa il Festival del gelato che, come indicato dal programma sul sito, prevedeva vari eventi durante le 3 giornate.
Io e la mia dolce metà abbiamo però scelto di gustarci solamente, a tarda sera, la sfida fra circa venti mastri gelatieri che proponevano il gusto creato appositamente per l'occasione.
All'ingresso, per la modica cifra di 12 € cadauno, abbiamo ricevuto il biglietto che ci ha permesso di avere 5 assaggi e un cocktail-gelato. 


Abbiamo scelto di dividerci ogni assaggio, avendo così a disposizione 10 scelte. I gusti proposti erano più di 10; abbiamo quindi dovuto fare una prima selezione "visiva" per capire chi meritava il nostro assaggio. Gli ingredienti e l'aspetto delle vaschette erano gli unici indizi che avevamo. Ci spiace quindi per i mastri esclusi. Se siete curiosi, tramite questo link potete conoscere un po' meglio tutti quanti i Maestri Gelatieri.

Questi i gelati da noi assaggiati:

1) Crema al vino Macàro e Mustazzolo

Partiamo subito benissimo, con questo gusto tipico salentino che, forse anche per lo stomaco a digiuno, ci ha colpito per l'originalità e il mix fra il vino Macàro e il mustazzolo (un dolce tipico pugliese). 

2) Crema Millenium

Torniamo a Roma con questo gusto che ci ha offerto un abbinamento di sapori interessante con: salsa di cioccolato, arachidi pralinate e crema alla vaniglia. 

3) Note di Friuli

Come suggerisce il nome, questo gusto ci rimanda al nord est italico, amalgamando la Gubana (un dolce tipico che fra i vari ingredienti prevede: uvetta, noci, pinoli e grappa), allo zabaione di Ramandolo (un passito di Udine) e al cioccolato. Personalmente non amo l'uvetta, ma in questo gelato faceva la sua porca figura.

4) Salvia Lamponi

Questo gusto è made in Roma e sorprende con il semplice abbinamento di salvia, lamponi freschi e fiordilatte. Un gelato che mi ha ricordato i saltimbocca alla romana. Se capitate dalle parti di Via dei Coronari fateci un pensierino.

5) Black Forest

Direttamente dalla via Collatina di Roma (a 2 passi da dove abitiamo), il mastro Malaggese conquista il mio cuore abbinando cacao, amarena e cioccolato bianco. Un gelato però forse un po' troppo "corposo", anche se alla fine risulterà uno dei miei preferiti.

6) Cremino

Direttamente dall'isola d'Elba arriva questo semplice ma gustoso gelato con gianduia e nocciola.

7) Crema Agrumi Val Tindari

Da un siciliano che arriva da Firenze, un gelato "mononota" che dimostra come una giusta e attenta selezione delle materie prime, le arance di Sicilia in questo caso, risulti poi fondamentale per ottenere un ottimo risultato.

8) Vacanze Romane 

Direttamente dalla ridente Cairo Montenotte (a due passi da dove ho vissuto i miei primi 3 anni di vita) arriva questo mix di: Vaniglia, pistacchio e lampone. Non essendo un amante del pistacchio non riesco forse ad apprezzarlo come dovrei.

9) San Nicola

Arriva da Lecce anche questo mastro, ma con risultati peggiori del precedente. Forse al nono gelato non eravamo più predisposti ad apprezzare un gusto così "estremo". Caffè e latte di mandorla è probabilmente un abbinamento dicotomico. O lo si ama o lo si odia. Noi non l'abbiamo amato.

10) Passione

Si conclude la nostra selezione con questo abbinamento fortemente voluto dal sottoscritto. Fragola, rum e cacao si abbinano perfettamente in quello che si è dimostrato uno dei miei gelati preferiti.


Il podio di mia moglie ha visto questi tre gusti primeggiare:
3°) Salvia e Lampone - 2°) Crema Agrumi di Val Tindari - 1°) Cremino

Il mio podio invece è stato:
3°) Passione - 2°) Crema Agrumi Val Tindari - 1°) Crema al vino Macàro e Mustazzolo

Voi chi avreste premiato?