giovedì 28 aprile 2011

Conformi senza forma



In questi quasi 30 anni di vita passati a leggere, guardare, camminare, nuotare, spray, clacson, saluti.... che stavo dicendo? Ah si, in questi anni mi sono reso conto di come ormai tutti etichettano tutti in malo modo senza andare oltre l'apparenza:

Se è di Bari: sarà il solito terrone... Guarda, un barbone... Toh, un gay... Ehi, quello è un politico...

e tanti fanno di tutto per avere un'etichetta:
Eh, sai, faccio parte del TeLoTroncoClub, esclusivissimo... ah, io vesto solo "diegi".... mi sono iscritta in palestra, tutte le mie amiche ci andavano, a breve dovrei fare la prima lezione, forse però non ci vado....

Questo è odioso, perché vivi circondato da pecore che oltre ad etichettarsi hanno creato uno stile di vita a fazioni: se sei Juventino devi odiare tutte le altre squadre, se sei di sinistra devi dire solo cose di sinistra, se stai con gli intelligenti devi dire e fare solo cose intelligenti, se stai con gli idioti devi dire e fare solo cose idiote, se ascolti un genere musicale devi solo ascoltare quello e odiare gli altri e così via, per ogni cosa.
Non puoi avere un pensiero trasversale, dire qualcosa di originale, di conseguenza quando arrivo e mi presento: "Piacere ZioYkaro, mi piacciono tante cose diverse anche in antitesi fra loro!" ti guardano con disprezzo, alcuni ti compatiscono come se fossi malato, molti non conoscono la parola antitesi!
Perché nonostante in tanti si palesino amanti di tutto e aperti mentalmente... ben pochi riescono dopo poche ore a non mostrare tutta la loro ottusità.

"Ah, quindi ti piace la musica classica? Hai mai provato ad ascoltare i Muse?"
"Ma sei pazzo, con quelle chitarre elettriche!"

"Ti piacciono i Muse, bravi si, prova ad ascoltarti Rossini o Mozart."
"Che palle quella lagna..."

"Ti sei letta Il Codice Da Vinci, prova a leggere Il Pendolo di Foucault, ti potrebbe piacere!"
"Neanche per sogno, mi annoiano quelle storie dei templari!"

"Ti sei letta il Pendolo di Foucault, leggiti Il Codice Da Vinci,, è pieno di stronzate ma si fa leggere volentieri"
"Ma no dai, come posso leggere un libro così commerciale?"

E alla fine io che sono pronto ad ascoltare tutte le campane del mondo e non fossilizzarmi su UNA moda, UN  partito politico, UN gruppo musicale, sembro quello strano...

Sono fiero di essere Strano e la cosa più buffa di tutto questo è che mi sono dovuto sentire dire: "Ma se vuoi fare l'anticonformista, devi farlo nel modo giusto, come gli altri anticonformisti."
Brividi...