venerdì 6 luglio 2012

Il Commerdatore

Negli ultimi anni l'espansione dei social network e di internet in generale ha portato all'evoluzione di strani esseri che, per svariati motivi, amano passare gran parte delle loro giornate a commentare, spesso polemicamente, qualsiasi sito in cui è possibile inserire la propria opinione: YouTube, i Blog, Facebook, Twitter e tutti i Social Network.
Uno degli esseri più noti e più spesso citato è il Troll, che a mio parere è l'estrema nefandezza della rete: l'inutilità fatta utenza. I suoi commenti sono inutili, soltanto fastidiosi e sempre fuori luogo.
Ci sono tante altre categorie, tra cui Capitan Ovvio, e il Devoto (pronto a dare sempre ragione all'autore del post, qualsiasi cosa abbia scritto).

C'è però una categoria che amo da impazzire e, spesso, rende i commenti più interessanti del post stesso. Questa è la categoria del:
COMMERDATORE

Questo essere, nonostante abbia una certa cultura, ha la grande abilità di leggere un post (o vedere un video nel caso di YouTube), smembrarlo di tutti i suoi contenuti principali ed essenziali per, infine, riuscire a comporre un commento con gli elementi di scarto del tema stesso. Riempendo così di merda il sito.
I suoi commenti sono un qualcosa che sconquassa la mente della maggior parte degli utenti normali. Le sue sono spesso critiche, con svariati sprazzi di citazioni inutili, che denotano la sua passione nel fare citazioni inutili. 
A differenza dei Troll, riesce a non divagare e restare in tema, riportando ciò che per lui è la cosa più importante di tutto il post. Peccato sia solo merda. Ma lui non se ne accorge, tant'è che spesso, quando più commerdatori si incontrano nello stesso post, iniziano a mangiarsi uno i commenti dell'altro come dei coprofagi. Ovviamente i commenti che ne escono a loro volta sono sempre più delle merde, fino al livello estremo di merda. La sua quintessenza. Per fortuna infatti questi esseri hanno un limite nel riuscire a sintetizzare la loro stessa merda. Peccato però che tendano ad entrare in loop e, con una costanza degna di nota, inizino a replicare i loro stessi concetti più e più volte, ampliando così un post di poche righe con i loro 436 commenti.

Per mia fortuna, questo blog è privo (per ora!) di commerdatori.


P.S. Ringrazio pubblicamente la mia figliuola putativa per esser riuscita, nel poco tempo a lei disponibile, a rappresentare in un'immagine la natura intrinseca del commerdatore.