venerdì 31 gennaio 2014

Sento di sognare ad occhi aperti

La vita è fatta di sogni, realtà e sensazioni.
Sono tre cose ben distinte, scisse fra loro, che si intersecano con pesi specifici molto diversi.

Su cosa siano i sogni c'è ben poco da dire. Non parlo di quelli notturni, in quella bellissima fase R.E.M. in cui gli occhi si muovono all'impazzata e (a quanto dice mia moglie) a volte anche gambe e braccia in preda a momenti di semi-sonnambulismo. Parlo dei sogni ad occhi aperti che si iniziano da bambini e si continuano da ragazzi e da adulti. Nonostante si cresca, i sogni spesso rimangono molto simili. Sognare di diventare ricchi sfondati, famosi o immortali può essere comune a molti: soprattutto a chi non è ricco, famoso o immortale.

La realtà è ciò che sembra sempre più triste di quel che poi è. Ciò succede perché ci si ricorda più facilmente delle brutte esperienze che dei bei momenti. Questo, sommato ad una routine lavorativa spesso molto noiosa, la rende un peso per chi si sente rinchiuso in un mondo che non gli appartiene e vede sprecato il suo talento, le sue idee, i suoi sogni appunto.

Ci sono poi le sensazioni. Momenti brevi che possono condizionare qualche minuto, qualche ora o qualche giorno. A volte sembrano pillole di preveggenza, forse sono elaborazioni probabilistiche che il nostro cervello ci mostra proiettandoci in un potenziale futuro prossimo. Magari proprio queste sensazioni sono il filo che lega la realtà ai sogni. Sono quei piccoli momenti ben immortalati ne "I sogni segreti di Walter Mitty". Proprio come avviene nel film, ciò che ci sembra più triste, la realtà, può regalarci invece le più grandi avventure, i migliori entusiasmi. L'unico sforzo che dobbiamo fare è goderci la realtà e non viverla col distacco di chi la sente lontana. Facciamo sì che la realtà sia il nostro teatro e noi i protagonisti.
Un altro buon film che può aiutare questo percorso, soprattutto nella sua morale finale, è il bellissimo "Questione di tempo". Se non li avete ancora visti, ve li consiglio entrambi. Poi ritornate su questo blog, rileggete questo post e rifletteteci un poco. Buona visione.