sabato 30 giugno 2012

Di Nazionale ce n'è una sola

In questo periodo l'attenzione degli italiani è focalizzata su Euro2012, soprattutto ora che la nostra nazionale è arrivata in finale. 
In contemporanea però, a Las Vegas, si stanno giocando, come ogni giugno, i WSOP (i mondiali di Poker) dove tutti i migliori giocatori si stanno sfidando in 61 eventi dedicati alle molteplici varianti di questo splendido gioco.



In uno di questi eventi (#44), il giovane ventitreenne di Genova, Rocco Palumbo, è riuscito a dominare 2948  avversari e arrivare primo! 
Grande gioia per tutti gli italiani presenti a Las Vegas, tant'è che durante la premiazione l'inno d'Italia è stato cantato a squarciagola e squarciaorecchie, vista la scarsa propensione al canto dei pokeristi presenti. Qui il video registrato da Flavio Ferrari Zumbini.

Ovviamente, nonostante i grandi successi degli ultimi anni, di Poker se ne parla ancora poco, ma è cosa normale: in Italia oltre al calcio gli altri sport sono visti da pochi, troppo pochi. Infatti, mentre guardavo il video della premiazione di Rocco durante la pausa pranzo in ufficio, alcuni colleghi nelle vicinanze sentendo l'inno hanno pensato immediatamente a qualche video relativo alla vittoria della nazionale di calcio contro l'Inghilterra. Non è minimamente balenata l'idea che quell'inno poteva esser stato cantato per qualche altro sport.